Don Camillo e Peppone. Il tepore di un bambinello rosa

Home / Racconti / Don Camillo e Peppone. Il tepore di un bambinello rosa
Don Camillo e Peppone - Natale

Si era oramai sotto Natale e bisognava tirar fuori d’urgenza dalla cassetta le statuette del presepe,
ripulirle, ritoccarle col colore, riparare le ammaccature. Ed era già tardi, ma don Camillo stava ancora lavorando in canonica. Senti bussare alla finestra e, poco dopo, andò ad aprire perché si trattava di Peppone.Read more: Don Camillo e Peppone. Il tepore di un bambinello rosa

Don Camillo e Peppone. Buon Natale!

Home / Racconti / Don Camillo e Peppone. Buon Natale!
Don Camillo e Peppone - Natale

A don Camillo uscirono gli occhi dalle orbite: non aveva bisogno di aprire il pacco per capire di cosa si trattava.
Quello era il profumo indimenticabile del prosciutto di Parma.
Un cosciotto enorme che doveva essere costato una fortuna.
“Lo battezzerò prima, non si sa mai cosa può capitare mangiando un maiale rosso, aspetta qui …” e portandosi dietro il prosciutto andò verso la canonica ritornando dopo con un pacco più piccolo, elegantemente confezionato.
Lo porse al sindaco che fu anche lui felice di riscoprire un profumo conosciuto.
“Toscani! Sono quelli di Soldati, vero?”Read more: Don Camillo e Peppone. Buon Natale!