La Tombola

La Tombola

In Italia e in particolare in alcune regioni del sud la tombola è tradizionalmente considerata il gioco per eccellenza del Natale. Pur trattandosi di un gioco d’azzardo (bingo), nel periodo natalizio adulti e bambini trascorrono intere serate a giocare a tombola al fine di ambire a premi puramente simbolici come caramelle, regalini, dolcetti vari o piccole somme di denaro.

Le origini della tombola sono antichissime, addirittura si fanno risalire a 1000 anni prima della nascita di Cristo, in tutti i casi alcuni singolari fatti storici la fanno nascere a Napoli intorno al 1734. In quell’anno, infatti, ci fu un’accesa lite tra il re di Napoli Carlo III di Borbone, che aveva deciso di istituire il Lotto, allora clandestino, per aumentare le entrate nelle casse dello Stato, e il frate domenicano Gregorio Maria Rocco, che lo considerava un gioco ingannevole e immorale.

Alla fine il Re la ebbe vinta con il patto che il gioco si sarebbe sospeso la settimana di Natale, per far sì che i cittadini potessero dedicarsi alle pratiche religiose che una festa così importante richiedeva. Il popolo, però, non volendovi rinunciare, ben presto si organizzò, trasformando il lotto in un gioco di famiglia. I numeri furono stampati su dei piccoli cilindri di legno (tombolo - da cui il nome tombola), che venivano messi in un piccolo “panariello” di vimini, e su delle cartelle.

Per ognuno dei novanta numeri della tombola fu attribuito una figura simbolica diversa da città a città e a Napoli, addirittura, diversa da quartiere a quartiere (Smorfia):

1 – L’Italia (L’Italia)
2 – ‘A criatura (il bimbo)
3 – ‘A jatta (il gatto)
4 – ‘O puorco (il maiale)
5 – ‘A mano (la mano)
6 – Chella che guarda ‘nterra (la cosa che guarda a terra – organo sessuale femminile)
7 – ‘A scuppetta (il fucile)
8 – ‘A maronna (la madonna)
9 – ‘A figliata (la prole)
10 – ‘E fasule (i fagioli)
11 – ‘E surice (i topi)
12 – ‘E surdate (i soldati)
13 – Sant’Antonio (Sant’Antonio)
14 – ‘O mbriaco (l’ubriaco)
15 – ‘O guaglione (il ragazzo)
16 – ‘O culo (il deretano)
17 – ‘A disgrazia (la disgrazia)
18 – ‘O sanghe (il sangue)
19 – ‘A resata (la risata)
20 – ‘A festa (la festa)
21 – ‘A femmena annura (la donna nuda)
22 – ‘O pazzo (il pazzo)
23 – ‘O scemo (lo scemo)
24 – ‘E gguardie (le guardie)
25 – Natale (Il Natale)
26 – Nanninella (Anna)
27 – ‘O cantero (il vaso da notte)
28 – ‘E zzizze (il seno)
29 – ‘O pate d”e criature (organo sessuale maschile)
30 – ‘E palle d”o tenente (le palle del “tenente”)
31 – ‘O padrone ‘ e casa (il proprietario di casa)
32 – ‘O capitone (il capitone)
33 – Ll’anne ‘ e Cristo (gli anni di Cristo)
34 – ‘A capa (la testa)
35 – L’aucielluzzo (l’uccellino)
36 – ‘E castagnelle (petardi)
37 – ‘O monaco (il frate)
38 – ‘E mmazzate (le bastonate)
39 – ‘A funa ‘nganna (la corda la collo)
40 – ‘A paposcia (ernia inguinale)
41 – ‘O curtiello (il coltello)
42 – ‘O ccafè (il caffè)
43 – ‘A femmena ‘ncopp” o balcone (la donna al balcone)
44 – ‘E ccancelle (il carcere)
45 – ‘O vino (il vino)
46 – ‘E denare (i soldi)
47 – ‘O muorto (il morto)
48 – ‘O muorto che parla (il morto che parla)
49 – ‘O piezzo ‘ e carne (il pezzo di carne)
50 – ‘O ppane (il pane)
51 – ‘O ciardino (il giardino)
52 – ‘A mamma (la mamma)
53 – ‘O viecchio (il vecchio)
54 – ‘O cappiello (il cappello)
55 – ‘A museca (la musica)
56 – ‘A caruta (la caduta)
57 – ‘O scartellato (il gobbo)
58 – ‘O paccotto (liimbroglio)
59 – ‘E pile (i peli)
60 – Se lamenta (si lamenta)
61 – ‘O cacciatore (il cacciatore)
62 – ‘O muorto acciso (il morto ammazzato)
63 – ‘A sposa (la sposa)
64 – ‘A sciammeria (la marsina)
65 – ‘O chianto (il pianto)
66 – ‘E ddoie zetelle (le due zitelle)
67 – ‘O totano int”a chitarra (il totano nella chitarra)
68 – ‘A zuppa cotta (la zuppa cotta)
69 – Sott’e’ncoppo (sottosopra)
70 – ‘O palazzo (il palazzo)
71 – L’ommo ‘e merda (l’uomo senza valore)
72 – ‘A meraviglia (la meraviglia)
73 – ‘O spitale (l’ospedale)
74 – ‘A rotta (la grotta)
75 – Pullecenella (Pulcinella)
76 – ‘A funtana (la fontana)
77 – ‘E diavule (i diavoli)
78 – ‘A bella figliola (la bella ragazza)
79 – ‘O mariuolo (il ladro)
80 – ‘A vocca (la bocca)
81 – ‘E sciure (i fiori)
82 – ‘A tavula ‘mbandita (la tavola imbandita)
83 – ‘O maletiempo (il maltempo)
84 – ‘A cchiesa (la chiesa)
85 – Ll’aneme ‘o priatorio (le anime del purgatorio)
86 – ‘A puteca (il negozio)
87 – ‘E perucchie (i pidocchi)
88 – ‘E casecavalle (i caciocavalli)
89 – ‘A vecchia (la vecchia)
90 – ‘A paura (la paura)

I simboli della Smorfia sono spesso scurrili e ricchi di doppi sensi, segno anche questo della sfrenata fantasia e creatività del popolo napoletano, che possiamo dunque considerare l’inventore della Tombola così come oggi la conosciamo.

La Tombola

Foto: WikipediA

One Response to La Tombola

  1. Uniroma.tv scrive:

    Barraccombola: un nuovo modo per giocare a tombola, stare insieme e divertirsi: http://www.uniroma.tv/?id_video=17964

Lascia un Commento

L'indirizzo email non verrà pubblicato.

È possibile utilizzare questi tag ed attributi XHTML: <a href="" title=""> <abbr title=""> <acronym title=""> <b> <blockquote cite=""> <cite> <code> <del datetime=""> <em> <i> <q cite=""> <strike> <strong>