I Vangeli del Natale – Matteo

Home / Cristianità / I Vangeli del Natale – Matteo

Lorenzo Lotto, Natività, 1523, Washington, National Gallery of ArtEcco come avvenne la nascita di Gesù Cristo: sua madre Maria, essendo promessa sposa di Giuseppe, prima che andassero a vivere insieme si trovò incinta per opera dello Spirito Santo.

Giuseppe suo sposo, che era giusto e non voleva ripudiarla, decise di licenziarla in segreto. Mentre però stava pensando a queste cose, ecco che gli apparve in sogno un angelo del Signore e gli disse: "Giuseppe, figlio di Davide, non temere di prendere con te Maria, tua sposa, perché quel che è generato in lei viene dallo Spirito Santo. Essa partorirà un figlio e tu lo chiamerai Gesù: egli infatti salverà il suo popolo dai suoi peccati".

Tutto questo avvenne perché si adempisse ciò che era stato detto dal Signore per mezzo del profeta: Ecco, la vergine concepirà e partorirà un figlio che sarà chiamato Emmanuele, che significa Dio con noi.

Destatosi dal sonno, Giuseppe fece come gli aveva ordinato l`angelo del Signore e prese con sé la sua sposa, la quale, senza che egli la conoscesse, partorì un figlio, che egli chiamò Gesù.

Matteo 1, 18-25

Lorenzo Lotto, Natività, 1523, Washington, National Gallery of Art

Articoli correlati:
I Vangeli del Natale – Luca
La nascita di Gesù. Le profezie di Isaia e Michea
La nascita di Gesù secondo il Protovangelo di Giacomo

One thought on “I Vangeli del Natale – Matteo

  1. Arnaldo ha detto:

    La nascita di Gesù è L’Avvenimento di Dio nella storia dell’ uomo…..Un Avvenimento tanto grande, meraviglioso ,misericordioso e sfolgorante di luce incorruttibile che, anche noi cristiani, fatichiamo a comprendere appieno …. appesantiti, come siamo, dalle scorie di un modo di vivere troppo spesso attaccato ( se non sedotto )alle ” cose terrene “. Solo se coinvolgiamo il nostro cuore all’ascolto di Gesù, se ci spogliamo ( a poco a poco ) di questa nostra ” pelle ruvida ” , sentiremo ” il richiamo alla Vera Vita ” che Gesù ci rivolge dalla notte dei tempi……Così sia.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.